Contemplando le stelle ci rendiamo conto di quanto sia infinito ciò che è sopra di noi e le lampade a sospensione Slide ce lo ricordano in maniera giocosa. In fondo in noi è innata la voglia di conoscenza e citando un grandissimo uomo, cosmologo e fisico britannico: “Guardate le stelle e non i vostri piedi. Provate a dare un senso a ciò che vedete, e chiedervi perché l’universo esiste. Siate curiosi.” (Stephen Hawking).

Al pari di una stella che illumina il cielo notturno, oppure di un’astronave che si staglia nel cielo e lo rende ancora più vivo, così l’illuminazione pervade i nostri spazi. Quindi perchè non trasformare il nostro lampadario in un oggetto volante non identificato, lasciandolo attraversare da geometrie appartenenti a forme di vita aliena?

Le lampade a sospensione Slide sono in grado di fare tutto questo.

Lampade-a-sospensione-Slide-un-cosmo-fatto-di-cellule-cignoli-elettroforniture-pavia-4

Lampada a sospensione Slide Sirio

Sirio è l’equivalente celeste del faro situato lungo le coste: come il secondo brilla in ogni situazione climatica, anche con visibilità scarsissima causa nebbia per guidare le navi, così la stella splende più di tutte le altre nella volta celeste. Durante una notte senza altre fonti luminosi artificiali e in assenza di luna si vede chiaramente da tutti i luoghi della Terra. La lampada del designer Giò Colonna Romano è proprio la rappresentazione stilizzata del famoso astro. Forme dalle linee semplici, quasi fanciullesche, che evidenziano il concetto di volersi connettere al nostro lato spensierato in un esercizio da fare anche da adulti: alzare lo sguardo verso il cielo.

La lampada a sospensione Slide Sirio è composta da polietilene ed è disponibile nelle cromie bianca, fuchsia e rossa.

Lampade-a-sospensione-Slide-un-cosmo-fatto-di-cellule-cignoli-elettroforniture-pavia-2

Lampada a sospensione Slide UFO

Per proiettarsi verso le stelle occorre una navicella, ma che succederebbe se gli alieni decidessero di farci visita? Vedremmo i classici dischi volanti come nei classici film di fantascienza retrò. Le forme della lampada UFO strizzano l’occhio proprio a quel modo di rappresentare le navicelle provenienti dalle galassie lontane. L’elemento di arredo si compone infatti di due parti principali: un anello e una cupola superiore. La mente creativa è la stessa che firma Sirio.

Il materiale che dà vita alla lampada a sospensione Slide UFO è il polietilene e viene prodotta in rotostampaggio: una tecnica di stampa dove uno stampo ruota e si riscalda fino al punto di fusione della plastica introdotta al suo interno e che poi aderisce alle pareti in maniera uniforme.

Lampade-a-sospensione-Slide-un-cosmo-fatto-di-cellule-cignoli-elettroforniture-pavia-5

Lampada a sospensione Slide Sunday

Chissà invece come sarebbe il primo contatto al di fuori delle navicelle spaziali: l’immagine degli uomini verdi con le teste allungate, i grandi occhi neri ellissoidi, braccia e gambe lunghissime con solo 3 dita è la prima che viene in mente. Oppure hanno dei corpi sinuosi, linee morbide e brillano di luce propria mentre fluttuano a mezz’aria lievitando, proprio come la lampada Sunday. Una fonte di luce che si adatta alla perfezione e in maniera rapida in ogni ambiente, una caratteristica evolutiva aliena per dirla con altre parole.

La lampada a sospensione Slide Sunday è disponibile in tantissimi colori divertenti: azzurro, verde, giallo, arancione, rosso, rosa, fuchsia e vaniglia.

Lampade-a-sospensione-Slide-un-cosmo-fatto-di-cellule-cignoli-elettroforniture-pavia-3

Lampada a sospensione Slide Mesh

La vita in ogni angolo remoto del cosmo ha sempre avuto origine da una cellula che si è progressivamente migliorata e moltiplicata, fino a costituire gli organismi più complessi. La lampada Mesh sembra andare all’essenza di questo procedimento riproducendo nello spazio le ramificazioni del DNA. Un design minimal fatto di tubi luminosi cilindrici che si incrociano, dando vita a reticoli ipnotici.

La lampada a sospensione Slide Mesh è dimmerabile.

Se sei interessato alle piantane leggi anche l’articolo: Pescatori, satelliti naturali e artisti: la luce raccontata dalle piantane Groppi.